Ultima modifica: 15 Marzo 2021

Romanae Disputationes 2021: finale nazionale per il Liceo Teresa Ciceri

Il Liceo Teresa Ciceri ottiene il terzo posto nella finale nazionale di altissimo livello del 13 marzo 2021 (Alma Mater Studiorum di Bologna), sezione saggi junior, grazie al pregevole lavoro del team formato dalle studentesse Sara Bettelli (4UA), Alice Fancellu (4UA), Elisa Marelli (4UA) e Rebecca Liliana Murineddu (4UA) e accompagnato dal prof. Francesco Paolo Ammirata.

In memoria di Roberto Malgesini

Anche a distanza non si ferma il più importante appuntamento filosofico per la scuola italiana: con Massimo Cacciari, Stefano Boeri e Costantino Esposito. In diretta streaming, il 12 e il 13 marzo, più di 1000 studenti e docenti hanno dialogato e dibattuto sul tema “Affetti e legami. Forme della comunità”. L’appuntamento della VIII edizione del Concorso nazionale di filosofia per le scuole superiori per Marco Ferrari, direttore di Romanae Disputationes, ha continuto a “sfidare tutti sulle grandi domande della filosofia, riscoprendo la centralità degli affetti, dei legami che ne nascono e delle nuove forme di comunità a cui aprirci”. Nel corso dell’anno scolastico i partecipanti hanno scoperto che non esiste “autentica affettività senza il dialogo con la ragione, e che una ragione anaffettiva non interessa a nessuno”. Particolarmente curata la formazione dei team che hanno partecipato al concorso attraverso il contributo indispensabile delle videolezioni firmate da docenti universitari e importanti filosofi italiani.

Il Liceo Teresa Ciceri ottiene il terzo posto nella finale nazionale di altissimo livello del 13 marzo 2021 (Alma Mater Studiorum di Bologna), sezione saggi junior, grazie al pregevole lavoro del team formato dalle studentesse Sara Bettelli (4UA), Alice Fancellu (4UA), Elisa Marelli (4UA) e Rebecca Liliana Murineddu (4UA) e accompagnato dal prof. Francesco Paolo Ammirata. Si tratta dell’accesso alla terza finale nazionale Romanae Disputationes conquistata dal nostro Liceo nell’arco degli ultimi quattro anni (menzione d’onore RD 2017/2018 e primo posto RD 2018/2019) e di un’ulteriore attestazione della tradizione filosofica che i nostri studenti e docenti portano avanti con passione e impegno. Il saggio filosofico dal titolo Immaterialità del tangibile. Sfumature sulla natura del tatto per una filosofia della fragilità è stato premiato con la seguente motivazione: 

“L’elaborato viene premiato per l’importanza e l’originalità del tema filosofico trattato. Emerge come la dimensione tattile sia necessaria per definire il compito dell’uomo all’interno della comunità, e come, proprio questa dimensione, porta alcuni uomini ad “abbandonarsi agli abbandonati”, diventando, questo, il paradigma di una affettività che si prende cura del mondo. Delicata e commovente l’introduzione dedicata a Don Roberto Malgesini”.

Il prof. Ammirata ringrazia le studentesse del team per l’impegno e la dedizione profuse nel corso dei mesi, per la spiccata sensibilità e la delicatezza filosofica attraverso la quale hanno tratteggiato la portata esistenziale dell’esperienza di Roberto Malgesini. L’analitica del tatto che le studentesse hanno indagato come paradigma del legame comunitario costituisce una proposta originale di lettura della materia affettiva all’interno della complessa costruzione politica contemporanea.

Abbiamo chiesto alle studentesse del team RD 2021: cosa rappresenta la filosofia per te?

Alice: La filosofia per me è un filtro attraverso il quale è possibile percepire la vera realtà, mostra il mondo che ci circonda da un’altra prospettiva evidenziando realtà prima nascoste, che non riuscivamo a vedere e comprendere. È uno stimolo per andare oltre l’apparenza, è un punto fermo a cui aggrapparsi, ma anche un luogo in cui rifugiarsi.

Sara: Per me la filosofia è un insieme di aspetti diversi, ma in primo luogo è un modo per indagare me stessa, per scoprire la mia persona. Grazie alla filosofia ho iniziato a trovare delle piccole ma importanti risposte alle domande che fluttuavano da diverso tempo nella mia mente. A diciassette anni non è facile avere delle idee chiare sulla propria vita, ma la filosofia consiste, per me, nel primo grande tentativo di trovare un posto nel mondo.

Rebecca: Per me la filosofia è il continuo e tormentato tentativo di trovare una risposta alla verità che ci costituisce, entro la quale noi siamo ciechi partecipanti. Filosofia è per me la messa in discussione di tutto l’essenziale.

Elisa: La filosofia per me è ordine, ha dato un nome ai miei pensieri, chiarendoli e semplificandoli. La filosofia gestisce il caos e la confusione della mente, mettendo in luce le cose realmente importanti e profonde. È un riparo dove sistemarsi per capirsi internamente, per trovare risposte alle tante domande che ognuno di noi formula anche inconsciamente.

I saggi vincitori saranno pubblicato a breve nel volume Loescher dedicato alle RD 2021.

In questi anni, il Concorso Nazionale Romanae Disputationes ha coinvolto 17.000 studenti, 150 scuole da tutta Italia, 50 professori universitari intendendo “risvegliare l’interesse alla filosofia e sviluppare le capacità critiche e dialettiche degli studenti della scuola secondaria superiore attraverso un percorso di studio e di confronto, aperto a tutti gli orientamenti culturali, da realizzazione in collaborazione con il mondo universitario, ponendo a tema le grandi domande che la filosofia offre all’uomo contemporaneo”. Attraverso le RD si intende offrire “una occasione per innovare il modo tradizionale di studiare filosofia, proponendo un approccio tematico e non soltanto storico; si vuole poi favorire nei partecipanti lo sviluppo delle capacità di sintesi e dell’esercizio della scrittura, delle competenze argomentative e della creatività nella comunicazione filosofica e promuovere una conoscenza profonda e appassionata dei problemi filosofici”.

I lavori del Concorso Nazionale:

Lezione inaugurale

Francesco Botturi (Università Cattolica di Milano): Affetti e legami. Forme della comunità

Lezioni conclusive dei lavori

Massimo Cacciari: Pensare la comunità. Affetti e legami

Stefano Boeri: Progettare gli spazi della comunità

Costantino Esposito (Università di Bari): conclusioni finali

Videolezioni

Enrico Berti (Università degli Studi di Padova): Affetti e legami nel pensiero di Aristotele

Giorgio Cesarale (Università Ca’ Foscari di Venezia): Affetti e legami nel pensiero di Marx

Riccardo Chiaradonna (Università di Roma Tre): Affetti e legami nel pensiero di Platone

Francesca De Vecchi (Università Vita-Salute San Raffaele): Affetti e legami nella fenomenologia

Giovanni Giorgini (Alma Mater Studiorum, Bologna): Affetti, legami e comunità nel pensiero moderno

Giovanni Grandi (Università degli Studi di Trieste): Affetti e legami nella filosofia personalista

Mauro Magatti (Università Cattolica di Milano): Forme della comunità nel Terzo Millennio

Stefano Marino (Alma Mater Studiorum, Bologna): Affetti e legami nel pensiero della Scuola di Francoforte

Paola Muller (Università Cattolica di Milano): Affetti e legami nel pensiero medievale

Antonio Petagine (Università Roma Tre): Affetti e legami nel pensiero di Hegel

Convegni filosofici

Chi è l’uomo europeo. Essere comunità al bivio della storia (Giornata Mondiale della filosofia 19 novembre 2020): con Marco Ferrari (Presidente Amore per il Sapere), Lorenzo Malagola (segretario generale Fondazione De Gasperi), François-Xavier Bellamy (Presidente di Philia) e Luciano Floridi (Università di Oxford)

I legami che generano comunità. Dall’Atene di Platone al Terzo Millennio (9 dicembre 2020): con Riccardo Chiaradonna (Università Roma Tre) e Mauro Magatti (Università Cattolica di Milano)

Fratelli tutti. L’impresa di diventare umani (15 dicembre 2020): con il Card. Maria Zuppi e lo psicoanalista Massimo Recalcati

Percorsi a cura della Fondazione RUI

Mariagrazia Melfi (Collegio Celimontano): La gratuità della comunità

Susy Zanardo (Università Europea di Roma): Il dono della relazione

Webinar in collaborazione con Loescher Editore

Bruno Mastroianni (filosofo e social media manager RAI): Insegnare a disputare senza litigare

Sara Roversi (Future Food Institute): Cibo per curare il pianeta. Food Diplomacy: una finestra sul mondo

Rosy Russo (ideatrice di Parole O-Stili): Costruire comunità nel mondo digitale

Romanae Disputationes lavora in collaborazione con Istituto Toniolo, Università Cattolica del Sacro Cuore, Camplus, Cimea, Loescher Editore, Laterza scolastica, Cineteca di Bologna, Museo Nazionale del Cinema, Fondazione De Gasperi, Fondazione RUI, Jonas Onlus, lascuola.net, Diesse, Parole O-Stili, Filò, e con il patrocinio di Università di Bologna, Università di Padova, Università Ca’Foscari di Venezia, Università Aldo Moro di Bari, Festival della Filosofia in Magna Grecia